Nuovi diritti e doveri ridisegnano e allargano i confini della legalità

Un grande impegno di confronto culturale ed etico, ha consentito che nel futuro della società italiana trovino riconoscimento diritti che non c’erano. Qui rientrano ad esempio le riforme per unioni civili per le coppie dello stesso sesso, il divorzio breve, la lotta al cyberbullismo, l’introduzione del reato di omicidio stradale, la tutela per le donne vittime della violenza, il contrasto alla diffusione del razzismo e antisemitismo, la legge sul dopo di noi, il biotestamento, legge contro gli ecoreati e legge contro il caporalato.

Dopo di noi

Perché nessun disabile resti solo

Una rivoluzione nelle politiche sociali. Con la legge “Dopo di noi” finanziamo e accompagniamo progetti innovativi di vita autonoma per le persone con disabilità, per garantire cure e assistenza anche dopo la morte dei genitori. 270 milioni di euro stanziati per il triennio 2016-2018 e più del 95% delle risorse del 2016 già erogate. Finalmente un percorso di dignità intrapreso, da cui non si torna indietro.

Unioni Civili

I nuovi diritti sono legge

Grazie a questa legge abbiamo fatto di questa, una legislatura per i diritti. Il modello a cui si ispira la legge è quello tedesco fondato, in base al principio di non  discriminazione, sull’estensione dei diritti civili del matrimonio. Si pone fine così ad un dibattito che si trascinava da tanto tempo e si colma un ritardo che era stato segnalato anche dalla Corte europea dei Diritti.

Legge contro gli ecoreati

Una rivoluzione per l’ambiente

La nuova legge ha introdotto nel Codice Penale nuovi reati particolarente gravi. Disastro ambientale, inquinamento ambientale, impedimento al controllo ambientale, traffico e abbandono di materiali ad alta radioattività ed omessa bonifica. Una risposta positiva alla Ue che ci ha posto all’avanguardia in Europa con nuovi delitti, inasprimento del quadro sanzionatorio e raddoppio dei termini di prescrizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *